image

Enpam. Prada: “Un risultato storico per l’Associazione e la libera professione”

Dopo essere riuscita a fare eleggere 14 rappresentanti in Assemblea Nazionale ENPAM, un dentista come rappresentante nazionale nella Consulta Quota B e un rappresentante dentista di ogni Regione nella stessa Consulta, ANDI inserisce il suo Presidente, Gianfranco Prada (tesoriere dell’Ordine dei Medici di Como)  all’interno del C.d.A. della Fondazione Enpam.

“L’impegno, la forza, la serietà del costante lavoro di Andi – ha commentato Prada a Quotidiano Sanità – – hanno trovato un giusto riconoscimento nei passaggi elettorali appena trascorsi, si tratta ora di continuare sulla strada di migliorare e garantire i giusti diritti sia nell’ambito pensionistico che in quello dell’assistenza ai medici e odontoiatri liberi professionisti. Andi ed il suo Presidente in prima persona giocheranno un ruolo determinante in queste partite e vigileranno e proporranno tutti gli strumenti utili a raggiungere le garanzie per un futuro sicuro a questa ed alle prossime generazioni di dentisti”. “Non è stata una elezione scontata”, commenta il Presidente Prada – . “Sulla mia persona sono confluiti i voti di molti Presidenti di Ordine e rappresentanti della professione medica, premiando il lavoro che ANDI ha fatto in questi anni per la ibera professione. Un lavoro che ha sempre puntato alla concretezza lasciando da parte polemiche e interessi di bottega per privilegiare proposizioni costruttive per il bene ed il futuro della professione”.

Con il Presidente Prada siederanno in C.d.A. altri due iscritti all’Albo degli odontoiatri Soci ANDI, che vedono riconfermare la loro presenza: Giampiero Malagnino, già Past-President ANDI e Vice-Presidente Vicario ENPAM e Giuseppe Renzo Presidente Nazionale CAO.

Oltre al Presidente Prada le elezioni di sabato scorso hanno portato altri Soci ANDI a ricoprire cariche istituzionali ENPAM: nel Collegio dei Sindaci Revisori Marco Gioncada – Suppl., nell’Osservatorio dei Giovani, Stefano De Gregoriis e nell’Osservatorio dei Pensionati Renato Naldini e Maria Clemens Barberis.

facebooktwittermailfacebooktwittermail