image

I Carmina Burana per i 200 anni del Teatro Sociale

La grande star della prossima estate live sarà l’Arena del Teatro Sociale di Como, che almeno per il 2013 ruberà la scena al parco di Villa Olmo, protagonista assoluto delle prime cinque edizioni del “Festival Como Città della Musica”. La ragione del cambio di location è molto semplice: il nobile palco di piazza Verdi festeggia i suoi primi 200 anni, una storica occasione che andava adeguatamente celebrata. Dopo l’abbattimento della torre scenica e il conseguente restauro della facciata sud del Sociale, il 28 e 29 giugno una straordinaria doppia rappresentazione corale dei Carmina Burana riconsegnerà alla città, almeno in estate,  l’Arena. Un evento organizzato per  festeggiare il bicentenario del Sociale, che, di fatto, si sdoppierà per dare ufficialmente il via anche alla prestigiosa kermesse musicale che fino allo scorso anno si svolgeva all’ombra dell’imponente edificio neoclassico. Barbara Minghetti, presidente del Teatro, che insieme ai Palchettisti lavora a questo progetto da oltre un anno, spiega le ragione che hanno portato a riunire i due eventi: “Per i Carmina occorreva un allestimento imponente ed era impensabile trasferirlo a Villa Olmo; così, tutti gli spettacoli che proporremo sono stati studiati  per potersi adattarsi  alla speciale struttura che verrà montata all’Arena. Nell’anno dell’anniversario del Sociale, ci è piaciuta l’idea di riportare la musica in città e quindi di proporre anche tutti gli eventi principali del Festival all’interno dell’Arena. Non abbiamo nessuna intenzione di abbandonare Villa Olmo e stiamo già pensando a una soluzione che nel 2014 contempli entrambe le location”.
Nessuna preoccupazione anche per le interferenze sonore del traffico estivo: “Il problema esiste – afferma Minghetti – non lo stiamo sottovalutando. Abbiamo già fatto richiesta al comune e contiamo sul fatto che si possa trovare una soluzione che limiti il passaggio delle auto, per ridurre il contagio ambientale, senza creare problemi alla città. In ogni caso le mura dell’Arena sono già da sole un ottimo antidoto ai rumori esterni”.  Nuova vita all’Arena, quindi,  e via con la sesta edizione di una kermesse live che resta ricca di grandi appuntamenti. Di questi tempi, indubbiamente una grande notizia. Detto dei Carmina e delle 200 candeline del Teatro Sociale, “Linee e Volumi”, questo il sottotitolo scelto per il Festival, entrerà nel vivo del suo calendario dal  2 al 14 luglio. Per la prima serata spazio al balletto con il corpo di ballo Maggio Danza che presenterà tre coreografie firmate da Francesco Ventriglia, George Balanchine, William Forsythe. Il 5 e il 7 luglio, con Il Trovatore, una della opere più popolari e dense di passioni e contrasti, per la direzione di Francesco Cilluffo e la regia di Matteo Mazzoni, si ricorderà anche il bicentenario di Giuseppe Verdi. Il 6 luglio, la compagnia Sonics ci terrà tutti con il naso all’insù grazie alle acrobazie aeree mozzafiato e alle macchine sceniche imponenti di Meraviglia. Se Il Fantasma Tour dei Baustelle farà tappa all’Arena di Como l’11 luglio, per una grande serata dedicata al rock d’autore, il 13 luglio il palco sarà tutto per la  David Parsons Dance Company, per la prima data del loro  nuovissimo show. Il 14 luglio chiuderà la rassegna un concerto sinfonico legato al grande cinema: l’Orchestra Regionale Filarmonia Veneta presenterà Omaggio a Morricone, un’ampia selezione musiche e immagini selezionate tra le oltre 400 colonne sonore composte dal grande maestro italiano.
Una scelta non casuale, visto che il giorno seguente, l’Arena, si “prenderà” anche il Lake Como Film Festival. Come da tradizione, il Festival Como Città della Musica proporrà altri appuntamenti musicali, questi tutti gratuiti, sparsi per la città, Non verrà qui trascurata Villa Olmo, dove saranno organizzati alcuni degli eventi itineranti di Intorno al Festival, tra questi segnaliamo Spring Spring, luoghi di interesse storico culturale come Villa del Grumello e la Torre Baradello, luoghi inediti come il Tempio Voltiano, sede del concerto dei Tre allegri ragazzi morti, e il giardino di Villa Ala Ponzone aperto dalla Famiglia Ripamonti solo per il Festival. Maggiori informazioni sugli spettacoli e per l’acquisto del biglietti (in vendita da oggi) ai botteghini di piazza Verdi, sul sito www.comofestival.org. Maurizio Pratelli

 

facebooktwittermailfacebooktwittermail