image

Manovra Sanità, Fnomceo: “Sì all’appropriatezza, no all’intimidazione del medico”

Parte con voce forte e chiara il nuovo Comitato Centrale della Fnomceo: la squadra guidata da Roberta Chersevani sigla infatti, nella sua prima riunione, un Documento che rivendica il coinvolgimento della Professione quando si parla di Autonomia e Responsabilità del medico, oltre che di Appropriatezza delle prescrizioni.
“Esprimiamo una forte preoccupazione e contrarietà – afferma Chersevani – sui contenuti della Bozza d’intesa Stato-Regioni, e sulle proposte di emendamento fatte dalle Regioni stesse, per razionalizzare la spesa sanitaria”.
E continua. “Non si può infatti pensare di conseguire l’appropriatezza imponendo per decreto modalità e percorsi che non coinvolgano – e da subito – i Medici: l’obiettivo di ogni intervento deve invece sempre garantire qualità e sicurezza delle cure e salute del cittadino. Tutto questo non si può certo realizzare attraverso una logica intimidatoria dei professionisti, e in un’ottica esclusivamente di risparmio economico. La nostra, in ogni caso, non è una chiusura, ma un’apertura a percorsi condivisi”.
La Fnomceo intende pertanto attivare una campagna rivolta ai cittadini, che sarebbero i primi ad essere penalizzati da questi provvedimenti.
Insomma, anche se il Comitato Centrale è consapevole che si è solo all’inizio di un percorso, è già da ora che vuole ribadire l’assoluta centralità del ruolo del medico nel disegnare la Sicurezza, la Qualità e l’Appropriatezza dell’intero Sistema Sanitario.
In allegato, il Documento approvato.

facebooktwittermailfacebooktwittermail